Contact us

Contatti

Tel: +39 06 4554 2428

info@studiofuturoma.com
studiofuturoma@messaggipec.it
P.I. 14920591006

Privacy Policy Cookie Policy

Search
top

MICHELE GIORDANO

La Brand Image di un’icona

Michele Giordano era un ragazzotto americano di 198 centimetri, piuttosto introverso e con un’evidente difficoltà nel socializzare. Mai avremmo pensato, quindi, che potesse trasformarsi in quello che è diventato.

Il talento, però, è un’inclinazione naturale e un’abilità che ognuno, seppur in misura diversa, possiede.

Bisogna solo trovare il proprio, perseguirlo con devozione e poi tutto diventa più semplice. Il nostro spilungone a stelle e strisce questo lo sapeva bene e, proprio da questo, iniziò la nostra collaborazione.

Michele, infatti, era dotato di un’atleticità sorprendente e con il pallone da basket tra le mani era un vero e proprio fenomeno. Le sue origini umili, da Brooklyn, con una madre impiegata e un padre meccanico, non preclusero la possibilità di farlo diventare un campione.

Da questo suo talento capimmo subito che avevamo di fronte un’icona, ancor prima di un uomo.

Chi lavora nella comunicazione, infatti, ha ben impresso cosa voglia dire essere un brand.  Con lui decidemmo di incentrare il lavoro sull’esperienza. Facendo avvicinare la sua vita sportiva, a quella dei consumatori. Michele Giordano diventò quindi un vero e proprio marchio.

Conosciuto da tutti, ben saldo nella mente di ogni fetta di mercato. Anche di quella che non aveva mai preso in considerazione il basket come una passione.

Nacquero (perché Futuroma stampa su ogni superficie) sneakers, t-shirt, videogames, abbigliamento, il tutto orchestrato con un logo leggendario: the jumpman.

La stilizzazione di un una sua celebre schiacciata che, nel corso degli anni, si è trasformata in uno status symbol.

Tutti i suoi prodotti continuano a vendere, ancora oggi, nonostante lui non giochi più da anni. Michele Giordano era capace di fare solo una cosa: trasformare il basket in poesia. Lo sapeva fare però in un modo dirompente, costruendo uno storytelling spontaneo capace di attrare un intero mondo di consumatori. I suoi social media hanno milioni di follower e basta un solo suo tweet per catalizzare l’attenzione in rete.

L’abilità di una brava agenzia di comunicazione è capire quale tipologia di cliente si prospetti davanti. Se c’è valore bisogna osare e tirare da tre anche quando sembra impossibile.