Contattaci
Via Benedetto Croce, 49 00142 - Roma - IT
[email protected]
P.IVA 14920591006
Work with us
[email protected]
Back

La frequenza di rimbalzo di un sito web. Perchè è importante?

Perché i visitatori rimbalzano (buoni motivi)

frequenza di rimbalzo

Negli scenari seguenti, un’elevata frequenza di rimbalzo potrebbe non essere necessariamente una cosa negativa. Questi motivi non riflettono problemi di usabilità del tuo sito web, ma sono una parte naturale del processo di ricerca.

Hai risolto il loro problema

Se risolvi il problema di un visitatore, non è necessario che esplori ulteriormente il tuo sito ed è probabile che rimbalzi. Questo è molto comune con siti informativi come Wikipedia, siti di ricette ecc. La buona notizia è che anche se il visitatore è rimbalzato, è molto più probabile che ritorni sul tuo sito in futuro poiché hai risolto subito il problema.

Stanno solo facendo ricerche

Gli utenti possono rimbalzare dalla tua pagina dopo averla visualizzata perché si trovano nella fase di ricerca del processo di acquisto. Esaminano i contenuti della tua pagina e poi tornano ai risultati della ricerca per fare ulteriori ricerche. Questa è la natura del processo di acquisto e non dovrebbe necessariamente essere vista come un problema.

Ciò è particolarmente vero per i contenuti del blog. Gli utenti preferiscono consultare molte fonti di informazione e i copy potrebbero procurarsi contenuti per i propri articoli.

Stanno guardando le vetrine

È anche possibile che i visitatori rimbalzino dal tuo sito perché stanno solo osservando le vetrine. Avere un pulsante “aggiungi alla lista dei desideri” sul tuo sito può essere un modo efficace per convertire alla fine gli acquirenti delle vetrine in acquirenti.

Perché i visitatori rimbalzano (cattivi motivi)

frequenza di rimbalzo

Sfortunatamente, ci sono anche cattive ragioni per cui una persona potrebbe rimbalzare dal tuo sito web. La maggior parte di essi è incentrata su una scarsa esperienza utente.

Identificare e affrontare questi problemi può migliorare significativamente il coinvolgimento degli utenti sul tuo sito.

Intento di ricerca non allineato

I visitatori potrebbero rimbalzare dal tuo sito perché il contenuto non è allineato con l’intento di ricerca. In altre parole, i contenuti della pagina non sono in linea con ciò che l’utente stava effettivamente cercando.

Ad esempio, se qualcuno cerca “le migliori scarpe da trail running” e la tua pagina è un elenco delle migliori scarpe da corsa di tutti i tipi, non è quello che vogliono. Vogliono solo confrontare le scarpe da trail running e non vogliono guadare altri tipi di scarpe.

Se vuoi impedire alle persone di rimbalzare, è fondamentale che il contenuto della pagina sia allineato con l’intento dietro le parole chiave di ricerca. Ciò può includere anche la scrittura di un tag del titolo e una meta descrizione chiari in modo che un ricercatore possa sapere esattamente cosa troverà sulla tua pagina.

Non è sufficiente fare solo ricerca per parole chiave, devi anche analizzare i risultati della concorrenza nelle SERP e comprendere l’intento dietro quelle parole chiave. Questo processo contribuirà ad aumentare la percentuale di visitatori qualificati dalla ricerca organica , che può migliorare le conversioni e il coinvolgimento.

Pagine a caricamento lento

Con un accesso diffuso a Internet a banda larga e dispositivi mobili che utilizzano dati cellulari 5G, le persone si aspettano che le pagine Web si carichino rapidamente. Se il tempo di caricamento della pagina è troppo lento, le persone rimbalzeranno prima ancora di vedere il contenuto della pagina.

Puoi ottimizzare la velocità della tua pagina attraverso una serie di azioni:

  • Rimuovere eventuali script di terze parti inutilmente
  • Passa a un host web più veloce
  • Imposta il caricamento lento in modo che le immagini vengano caricate solo quando una persona scorre la pagina verso il basso
  • Rimuovi gli elementi della pagina di grandi dimensioni che richiedono più tempo per essere caricati (immagini, GIF, ecc.)
  • Rimuovi gli script di terze parti non essenziali che devono essere caricati prima che un utente possa interagire con il tuo sito (mappe di calore, analisi, ecc.)
  • Implementa la memorizzazione nella cache del browser, che memorizza determinati elementi nel browser di un utente in modo che non debbano essere ricaricati ogni volta

A parità di condizioni, una maggiore velocità della pagina porta a una frequenza di rimbalzo inferiore.

Troppi annunci dirompenti

I tuoi utenti, premeranno il pulsante Indietro sulla tua pagina non appena si carica, se sono presenti troppi annunci.

Avere più annunci su una pagina che interrompono l’esperienza dell’utente e aumentano il tempo di caricamento della pagina è frustrante per i visitatori del sito Web e può diminuire la fiducia in un marchio. Gli annunci possono anche far cambiare bruscamente il layout di una pagina, rendendo difficile agli utenti la navigazione nella pagina. Questo non solo infastidisce gli utenti, ma può anche danneggiare il posizionamento nei motori di ricerca poiché Google tiene conto della stabilità del layout di pagina come parte del fattore di ranking dell’esperienza della pagina.

Questo non vale solo per i blog, ma anche per i siti di e-commerce. I popup per gli annunci sulle vendite o per una mailing list sono altrettanto travolgenti per gli utenti.

Se il tuo sito web contiene annunci, assicurati che non interrompano l’esperienza dell’utente.

Contenuti di bassa qualità

Se le tue pagine presentano contenuti scarsi e obsoleti, i tuoi visitatori non hanno motivo di restare. Dopotutto, perché dovrebbero voler esplorare ulteriormente il tuo sito quando la loro esperienza iniziale è negativa?

Se vuoi impedire ai visitatori di rimbalzare, hai bisogno di contenuti di alto valore e di alta qualità che dimostrino la tua esperienza e coprano a fondo l’argomento in questione.

Una strategia di contenuto ben definita è uno dei modi migliori per mantenere i visitatori coinvolti con il tuo brand. I post del blog dovrebbero coprire in modo approfondito argomenti pertinenti, rispondere a domande chiave durante il percorso dell’utente e definire chiaramente i passaggi successivi tramite collegamenti interni.

Il design del sito web è inaffidabile

Se vuoi mantenere più visitatori sul tuo sito, deve apparire affidabile e rispettabile.

Ciò significa avere un design professionale, immagini di alta qualità, riprove sociali (testimonianze, recensioni, ecc.) e un menu facile da navigare. Per fidelizzare ulteriormente i visitatori, includi tutte le informazioni di contatto, nonché informazioni dettagliate sul tuo brand e su coloro che vi stanno dietro.

Inoltre, includi tutti i sigilli di fiducia pertinenti, come l’SSL.

Aggiungi anche le credenziali degli autori dei tuoi contenuti. Tutto ciò aiuta il tuo sito a soddisfare le linee guida di Google E-E-A-T (Experience, Expertise, Authoritativeness e Trustworthiness), che sono fattori di ranking sempre più importanti.

Come valutare con precisione le frequenze di rimbalzo

Analisi frequenza di rimbalzo

L’analisi della frequenza di rimbalzo del tuo sito Web non è particolarmente utile poiché le persone rimbalzano dalle pagine per una serie di motivi. Puoi ottenere alcune informazioni utili valutando la frequenza di rimbalzo di una singola pagina, ma non ottieni ancora il quadro completo del motivo per cui i visitatori potrebbero rimbalzare dalla pagina.

Per aumentare i dati raccolti dalle singole pagine, ecco tre ulteriori modi per valutare le frequenze di rimbalzo:

Segmenti

Segmentare il tuo pubblico è un modo eccellente per misurare le frequenze di rimbalzo. Ti dà un’idea di come diversi gruppi di persone interagiscono con le pagine del tuo sito web.

Esistono numerosi modi per segmentare il tuo pubblico:

  • Età
  • Reddito
  • Occupazione
  • Cronologia degli acquisti
  • Posizione
  • Dispositivo
  • Interessi

Analizza come ogni gruppo interagisce con le diverse pagine del tuo sito. Qualche segmento preferisce tipi specifici di contenuti e rimane sul tuo sito più a lungo rispetto ad altri segmenti? Qualche segmento ha frequenze di rimbalzo molto più alte o più basse rispetto ad altri soggetti? Comprendendo come diversi gruppi di persone interagiscono con il tuo sito web, puoi apportare modifiche alle pagine che hanno maggiori probabilità di provocare un rimbalzo.

Fonte

È anche utile analizzare la frequenza di rimbalzo in base alla fonte del traffico. Ad esempio, potresti scoprire che i visitatori provenienti da una particolare fonte come i social media hanno la frequenza di rimbalzo più alta.

In alternativa, potresti scoprire che il traffico di ricerca organico ha una frequenza di rimbalzo significativamente inferiore.

Per le fonti con una frequenza di rimbalzo più elevata, puoi modificare il modo in cui utilizzi quella fonte, ridurne la quantità o abbandonarla del tutto. Le fonti di traffico con una bassa frequenza di rimbalzo sono una potenziale opportunità di crescita. Valuta di investire di più in quei canali particolari.

Contenuto

Puoi anche analizzare le frequenze di rimbalzo per tipo di contenuto. Questo ti dà un’idea di quali tipi di contenuti sono più o meno coinvolgenti per i visitatori. I visitatori preferiscono i post o i video del blog? Ci sono pagine di prodotti particolari che ottengono più o meno coinvolgimento?

L’analisi della frequenza di rimbalzo in base al contenuto può aiutarti a determinare su quali tipi di contenuti concentrarti e su quali non vale la pena.

Un altro buon modo per utilizzare Google Analytics per valutare correttamente la frequenza di rimbalzo del traffico organico è andare su Comportamento > Pagine di destinazione e applicare il filtro Sessioni organiche.

Ciò ti consentirà di vedere la frequenza di rimbalzo solo dai visitatori organici e può essere un buon indicatore di come sta andando il tuo sito web.

Il prossimo passo per il tuo successo sarà implementare miglioramenti della frequenza di rimbalzo basati su tutto ciò che hai imparato sopra.

Ancora indeciso sulla strategia SEO da attuare e su come ridurre la frequenza di rimbalzo del tuo sito?

Studio Futuroma
Studio Futuroma

This website stores cookies on your computer. Cookie Policy