fbpx
Dove siamo e come contattarci:
Via Benedetto Croce 49 00142 Roma
[email protected]
Invio Curriculum
[email protected]
Your Future Agency.

Come ridurre la frequenza di rimbalzo

Quando si tratta di migliorare le frequenze di rimbalzo, ciò che va bene per la metrica va bene anche per gli utenti e per la tua azienda.

È facile concentrarsi sulle metriche al punto da dimenticare ciò che rappresentano. La frequenza di rimbalzo del tuo sito web è più di un semplice numero. Rappresenta quanto bene stai servendo il tuo pubblico di destinazione.

Ti dice se il contenuto del tuo sito risponde alle loro domande, risolve i loro problemi e aggiunge valore alle loro vite.

Ad esempio, suggerire post correlati o pagine di prodotti ai visitatori del sito Web nella barra laterale può aumentare le visualizzazioni di pagina. Ancora più importante, è anche una tattica di ottimizzazione del tasso di conversione comune nella maggior parte delle strategie di marketing digitale.

Analizziamo come ridurre la frequenza di rimbalzo del tuo sito web un passo alla volta.

Come ridurre la frequenza di rimbalzo

    1. Migliora il tempo di caricamento della pagina
    2. Aggiungi link interni
    3. Migliora la reattività mobile
    4. Usa contenuti visivi
    5. Crea esperienze interattive
    6. Aggiungi funzionalità di ricerca al tuo sito
    7. Abbina il contenuto all’intento di ricerca
    8. Migliora la leggibilità dei contenuti
    9. Ottimizza i tag del titolo
    10. Testa e ottimizza gli inviti all’azione
    11. Riduci i pop-up
    12. Migliora l’esperienza dell’utente

1. Migliora il tempo di caricamento della pagina per ridurre la frequenza di rimbalzo

Poche cose sono più frustranti della visita di un sito Web che impiega una quantità eccessiva di tempo per caricarsi. Se desideri ridurre la frequenza di rimbalzo, il tuo sito Web deve caricarsi rapidamente.

L’utilizzo di strumenti come Google PageSpeed ​​Insights o GTmetrix ti aiuterà a valutare il tempo di caricamento effettivo delle pagine del tuo sito web. Puoi anche consultare la sezione Core Web Vitals in Google Search Console. Lì puoi vedere quali pagine web hanno i tempi di caricamento più elevati, nonché i modi per migliorare la velocità della pagina.

La velocità della pagina ha anche un impatto sul posizionamento nei motori di ricerca. Negli ultimi anni, Google ha iniziato a utilizzare la velocità della pagina e l’esperienza dell’utente come fattori di ranking. Una maggiore velocità della pagina migliora il tuo SEO creando una migliore esperienza utente e una migliore esperienza utente di solito si traduce in classifiche più elevate nelle SERP.

2. Aggiungi collegamenti interni per ridurre la frequenza di rimbalzo

I link interni guidano i visitatori verso altre pagine del tuo sito web. Sia i collegamenti interni che quelli esterni forniscono agli utenti contenuti aggiuntivi di alta qualità che rispondono alle loro domande. Inoltre, sono un ottimo modo per ridurre la frequenza di rimbalzo.

Uno dei modi migliori per utilizzare il collegamento interno è creare cluster di argomenti. I cluster di argomenti sono raggruppamenti di contenuti correlati, con tutte le pagine correlate collegate tra loro.

In genere, c’è una pagina pilastro che copre a fondo un argomento ad alto livello. Le pagine dei cluster vanno molto più in profondità nei singoli argomenti secondari rispetto alla pagina del pilastro. La pagina del pilastro si collega a tutte le pagine del cluster e viceversa.

I cluster di contenuti ti consentono di anticipare le prossime domande del tuo pubblico e quindi di offrire loro contenuti pertinenti prima che tornino su Google. In altre parole, li mantieni nel tuo ecosistema e riduci la frequenza di rimbalzo.

3. Migliora la reattività mobile per risolvere i problemi di frequenza di rimbalzo

La tua frequenza di rimbalzo sarà estremamente alta se gli utenti non possono visualizzare il tuo sito web sui dispositivi mobili. Se hai mai provato a navigare su un sito web che non risponde sul tuo smartphone, hai già provato quanto sia frustrante il processo.

Quindi, un trucco per ridurre la frequenza di rimbalzo è assicurarsi che ogni elemento del tuo sito sia facilmente utilizzabile sui dispositivi mobili. Ciò include ogni pagina dal menu di navigazione alla pagina dei contatti ai post del blog.

Marzo 2021 è stato l’inizio del passaggio di Google all’indicizzazione mobile-first . Se il tuo sito non è ottimizzato per i dispositivi mobili, potresti notare una diminuzione del posizionamento complessivo.

4. Usa contenuti visivi per migliorare la frequenza di rimbalzo

Le immagini sono un ottimo modo per attirare l’attenzione e catturare l’interesse dei visitatori. Per essere chiari, da soli questi elementi non ridurranno necessariamente la frequenza di rimbalzo poiché sono progettati per mantenere i visitatori su una pagina più a lungo piuttosto che indurli a visitare altre pagine del tuo sito.

Tuttavia, il contenuto visivo è più coinvolgente. E ciò potrebbe ridurre la frequenza di rimbalzo se gli utenti intraprendono azioni che attivano eventi, come guardare un video o scaricare un modello.

Gli inviti all’azione convincenti sono anche un ottimo modo per guidare il percorso del cliente .

Inoltre, contenuti come infografiche e video sono altamente condivisibili, il che può aumentare la quantità di traffico sui social media verso il tuo sito web.

Quando si utilizzano elementi visivi, è importante ottimizzarli correttamente per i siti Web. Se non ottimizzato, può influire notevolmente sul peso della pagina e sul tempo di caricamento, rendendo l’esperienza molto frustrante per i visitatori.

E infine, non esagerare con troppi video, widget e grafica. A volte un piccolo spazio bianco può far risaltare ancora meglio i tuoi contenuti importanti.

5. Crea esperienze interattive per ridurre la frequenza di rimbalzo

La creazione di contenuti interattivi sul tuo sito Web è un ottimo modo per ridurre un’elevata frequenza di rimbalzo. Ci sono molte opportunità per aggiungere contenuti interattivi al tuo sito web, tra cui:

  • Quiz
  • Infografica
  • Sondaggi
  • Sondaggi
  • Calcolatrici
  • Valutazioni della personalità
  • Webinar
  • Giochi
  • E-book

Ad esempio, supponi di avere un post approfondito sul blog su come scegliere le migliori scarpe da corsa per una varietà di situazioni. Alla fine del post, potresti includere un quiz che pone una serie di domande e poi fornisce consigli sulle scarpe da corsa in base alle risposte fornite.

Questo non solo aiuta a ridurre la frequenza di rimbalzo, ma fornisce anche informazioni preziose ai visitatori, rendendo più probabile che tornino sul tuo sito in futuro.

6. Aggiungi funzionalità di ricerca al tuo sito web

Se il tuo sito web ha una frequenza di rimbalzo elevata, è possibile che i visitatori non riescano a trovare ciò che desiderano.

L’aggiunta di una potente funzionalità di ricerca al tuo sito Web può risolvere questo problema. Oltre alla ricerca, dovresti anche creare una navigazione intuitiva, in particolare per un sito Web di e-commerce in cui l’architettura delle informazioni è fondamentale per l’UX.

7. Abbina il contenuto all’intento di ricerca

Un modo semplice per ridurre la frequenza di rimbalzo è garantire che i tuoi contenuti corrispondano all’intenzione del ricercatore per ogni parola chiave scelta come target.

Ad esempio, quando gli utenti cercano parole chiave generiche all’inizio della canalizzazione, cercano contenuti informativi ampi. Non si aspettano di vedere una home page, una pagina di prodotto o una pagina di servizio quando fanno clic sui risultati di ricerca. Scioccarli con qualcosa del genere è un modo infallibile per fargli fare clic sul pulsante Indietro.

Quindi, pensa oltre le parole chiave quando crei i tuoi contenuti. Scopri cosa vogliono ottenere i tuoi utenti e rispondi alle loro domande. Puoi abbassare ulteriormente i punteggi della frequenza di rimbalzo se anticipi la loro prossima domanda e la colleghi a quel contenuto.

8. Migliora la leggibilità dei contenuti

La leggibilità dei contenuti è un fattore importante nella frequenza di rimbalzo. Anche se il tuo contenuto corrisponde all’intento di ricerca, se è difficile da leggere, probabilmente avrai comunque un’alta frequenza di rimbalzo.

Ricorda, una grande percentuale di persone visita il tuo sito su dispositivi mobili con schermi relativamente piccoli. Rendere i contenuti facili da leggere è essenziale se si desidera ridurre la frequenza di rimbalzo.

Alcuni semplici modi per migliorare la leggibilità includono:

    • Aumenta la dimensione del carattere
    • Usa molte interruzioni di paragrafo ed evita muri di testo
    • Usa molte intestazioni e sottotitoli per rendere i contenuti più leggibili
    • Trasforma gli elenchi in elenchi puntati
    • Aggiungi elementi creativi come immagini o illustrazioni
    • Usa i blocchi di colore per separare il testo importante

Più i tuoi contenuti sono leggibili, meno è probabile che i visitatori rimbalzino dal tuo sito.

Ti sei perso? Niente paura! Contattaci per studiare insieme una strategia adatta al tuo business!

9. Ottimizza i tag del titolo e le meta descrizioni

I tag del titolo e le meta descrizioni sono ciò che viene visualizzato nei risultati di ricerca per ogni pagina. È importante rendere accattivanti questi elementi SEO on-page quando li ottimizzi, in modo che gli utenti desiderino fare clic sulle tue pagine.

Quindi è importante che descrivano accuratamente il contenuto delle pagine.

Se i contenuti di una pagina sono diversi da quelli descritti nel titolo e nella meta descrizione, i visitatori si sentiranno come se fossero stati indotti a fare clic sul tuo sito web nei risultati di ricerca. Puoi essere sicuro che rimbalzeranno rapidamente.

10. Testare e ottimizzare i posizionamenti di invito all’azione

Gli inviti all’azione (CTA), come i popup di iscrizione alla newsletter, hanno il potenziale per interrompere l’esperienza dell’utente e aumentare la frequenza di rimbalzo.

Sii strategico su dove posizioni i tuoi CTA in modo da non disturbare troppo i visitatori, rendendo comunque efficace la lead generation.

Gli strumenti di analisi comportamentale come le mappe di calore possono mostrarti esattamente come i visitatori interagiscono con il tuo sito Web, incluso il modo in cui rispondono a diversi CTA.

Prova a posizionare gli inviti all’azione in posizioni diverse e quindi ottimizza in base alla risposta dei visitatori. Il tuo obiettivo è trovare l’equilibrio tra convincere le persone ad agire senza interrompere l’esperienza dell’utente.

11. Riduci i popup per ridurre la frequenza di rimbalzo

I pop-up possono essere un modo efficace per far crescere la tua mailing list e favorire le conversioni. Tuttavia, possono anche interrompere l’esperienza dell’utente e far rimbalzare i visitatori dal tuo sito. Per questo motivo, Google ha affermato che potrebbe penalizzare i siti Web che utilizzano in modo aggressivo popup dirompenti.

Quindi, prova a utilizzare i popup che vengono attivati ​​​​da un comportamento specifico dell’utente. Ad esempio, se un utente legge una parte significativa di un post sul blog, ciò suggerisce che trova preziose le informazioni.

Un pop-up che appare solo dopo che una persona ha letto il 60% di una pagina è molto meno dirompente di uno che appare nel momento in cui qualcuno arriva sul tuo sito.

Un’altra alternativa è utilizzare i pop-up sull’intento di uscita, che appaiono solo quando un visitatore sta per lasciare il tuo sito. Questi possono potenzialmente mantenere gli utenti sul tuo sito senza interrompere l’esperienza dell’utente.

12. Migliora l’esperienza utente complessiva per correggere le frequenze di rimbalzo elevate

Forse il modo più efficace per ridurre la frequenza di rimbalzo è migliorare l’esperienza utente complessiva del tuo sito web.

Assicurati di avere un design esteticamente gradevole, un layout intuitivo, contenuti pertinenti, un menu di navigazione chiaro e annunci limitati.

Inoltre, sfrutta gli strumenti di analisi comportamentale come Hotjar per individuare le aree di uscita degli utenti. Le mappe di calore e le registrazioni dei visitatori possono rivelare le frustrazioni e aiutarti a fornire una migliore esperienza digitale .

Usa una combinazione di analisi di Google e software comportamentale per valutare cose come:

    • Fino a che punto gli utenti scorrono la pagina
    • I tipi di comportamenti che attivano un rimbalzo
    • Se gli utenti interagiscono con i tuoi contenuti ma non agiscono
    • Quali segmenti di utenti rimangono i più lunghi e i più brevi
    • Se gli utenti mobili rimbalzano più degli utenti desktop

Lo scopo di questo esercizio è identificare le aree del tuo sito Web con un’esperienza utente scadente.

Conclusioni: riduci la frequenza di rimbalzo per aumentare il coinvolgimento

Mentre svolgi il duro lavoro di migliorare la velocità del tuo sito, o l’ottimizzazione dei contenuti per l’intento di ricerca, tieni sempre presente il tuo obiettivo principale. Il tuo obiettivo non è una bassa frequenza di rimbalzo fine a se stessa. Serve per fornire la migliore esperienza possibile a coloro che visitano il tuo sito web.

Cerchi informazioni per una attività di SEO per il tuo sito web? Contattaci per studiare insieme una strategia adatta al tuo business!

Author avatar
Studio Futuroma