fbpx

Parole chiave a coda lunga: come usarle

Parliamo di parole chiave a coda lunga. Se leggi 100 articoli, troverai 100 diverse definizioni di cosa sono realmente.

Alcune persone definiscono le parole chiave a coda lunga come frasi con più di cinque parole. Altri affermano che sono keyword meno competitive. Alcuni dicono che convertono meglio e altri affermano che sono più specifiche dei termini principali. Infatti, in un recente sondaggio su LinkedIn, solo il 22% degli intervistati ha compreso il concetto di long tail term.

Il problema con queste definizioni è che disegnano arbitrariamente delle linee sulla sabbia per separare le parole chiave a coda lunga dai termini medi. Se una parola chiave cade a destra di quella riga, è coda lunga. Se cade a sinistra, non lo è. E la maggior parte delle persone usa erroneamente il conteggio delle parole come metrica decisiva.

Ciò rende difficile lo sviluppo di una chiara strategia SEO che porti traffico di ricerca organico significativo. Peggio ancora, potrebbe indirizzare i principianti sulla strada sbagliata e danneggiare i loro sforzi di ottimizzazione dei motori di ricerca per anni.

Ma non preoccupatevi. In questo articolo, chiariremo quali sono realmente le parole chiave a coda lunga e vi spiegheremo come dovreste usarle nella vostra strategia SEO.

Perché le chiamiamo parole chiave a coda lunga

Sfortunatamente, la maggior parte dei grafici delle parole chiave che troverai online sono sbagliati. Immagini come quelle sotto sono solo illustrazioni che in realtà non tracciano alcun dato reale. E a volte gli assi non hanno alcun senso.

Tuttavia, quando tracciamo i dati del volume di ricerca delle parole chiave su un grafico, vediamo effettivamente una curva quadrata inversa.

Solitamente le parole chiave corte hanno un volume elevato, diverse centinaia di termini hanno un volume moderato e migliaia di query di ricerca hanno pochissime ricerche mensili.

Con esempi come questo, è facile capire perché chiamiamo queste query coda lunga.

grafico parole chiave a coda lunga long tale
grafico parole chiave a coda lunga long tale

Cosa sono le parole chiave a coda lunga?

La coda lunga non ha nulla a che fare con la difficoltà, la specificità, le conversioni o la lunghezza della query.

In definitiva, si riduce al numero di utenti che digitano la stessa query nella barra di ricerca ogni mese. Quando tracciamo dati reali, è molto più facile vedere dove inizia e finisce ogni sezione del grafico.

Le ricerche a coda lunga sono solitamente varianti simili di parole chiave più popolari e ce ne sono molte! Ciò significa che in genere non puoi creare contenuti dedicati per queste keyword perché rischieresti di cannibalizzare i tuoi posizionamenti.

Quindi, se le parole chiave a coda lunga sono query impopolari con un volume di ricerca insignificante che sono sinonimo di termini di volume più elevato, dovresti ignorarle?

No.

Tuttavia, dovresti ripensare a come usarle. Non vedere le parole chiave a coda lunga come contenuti separati a meno che non abbiano un intento di ricerca diverso. Considerali invece come parte di una più ampia rete di idee per le parole chiave e per contenuti.

Capire la gerarchia delle parole chiave

L’algoritmo di ricerca di Google ha smesso di abbinare le parole chiave molto tempo fa. Ora analizza argomenti ed entità tra molti altri fattori. Quindi un modo efficace per posizionarsi nella prima pagina di Google è costruire la tua strategia di marketing dei contenuti attorno a cluster di argomenti.

I cluster di argomenti sono gruppi di parole chiave correlate organizzate in una gerarchia di post del blog, cluster di contenuti e categorie.

I cluster di argomenti sono fondamentali per il marketing digitale perché ti aiutano a raggiungere il tuo pubblico di destinazione in ogni fase della canalizzazione. Supportano anche la tua strategia SEO amplificando l’autorità del tuo sito Web e aumentando il tuo posizionamento.

Ecco come si incastrano tutti i pezzi del puzzle per gerarchia.

  • Le categorie: sono temi molto ampi e di alto livello
  • I cluster di argomenti: sono gruppi di argomenti all’interno di una categoria
  • I termini principali: sono post di blog che affrontano un argomento secondario specifico all’interno di un cluster
  • Le parole chiave a coda lunga: sono parole chiave correlate che supportano un termine principale

Vantaggi SEO delle parole chiave a coda lunga

Anche se gli utenti utilizzano raramente parole chiave a coda lunga specifiche, possono comunque svolgere un ruolo nella tua strategia SEO. Singolarmente, le variazioni di parole chiave a basso volume non generano molto traffico. Tuttavia, collettivamente possono fare la differenza.

Analizziamo alcuni dei loro vantaggi.

Conducono a contenuti più completi

Se crei un elenco di parole chiave a coda lunga prima di redigere il tuo contenuto, puoi utilizzare quei termini di ricerca per informare e per rendere più profondo l’argomento.

Ad esempio, potresti scoprire diversi punti di vista aggiuntivi da includere che inizialmente sembravano fuori portata ma in realtà fanno parte dell’argomento più ampio. Oppure potresti scoprire che un particolare gruppo di varianti è collettivamente più grande di altri gruppi, indicando che potrebbe essere più importante.

Le parole chiave a coda lunga forniscono un contesto aggiuntivo per Google

Alcuni termini di ricerca sono incredibilmente ampi, specialmente quelli con intento di ricerca per definizione. Prendi una parola chiave a coda corta come “strategia dei contenuti“, ad esempio. Se qualcuno cerca quella query, potrebbe volere solo una definizione semplice. O forse vogliono una panoramica più approfondita del concetto. O forse vogliono imparare a sviluppare una strategia di contenuto.

La verità è che se vuoi posizionarti per un termine competitivo come quello, devi creare contenuti molto completi. Inoltre, l’aggiunta di parole chiave più specifiche offre ai motori di ricerca più contesto rispetto a se ripeti lo stesso termine generico in tutta la pagina.

Ecco alcuni esempi di parole chiave a coda lunga relative alla strategia di contenuto che hanno meno di 10 ricerche mensili:

  1. piano dei contenuti vs strategia dei contenuti
  2. come pianificare la tua strategia di contenuti
  3. l’importanza della strategia dei contenuti
  4. costruire la tua strategia di contenuti
  5. ho bisogno di una strategia di contenuto

L’aggiunta strategica di questi termini alla tua pagina ti aiuterà a classificarti meglio per le varianti a coda lunga e per il termine principale più ampio.

Soddisfano query di ricerca più diversificate

query di ricerca

Uno dei vantaggi delle parole chiave a coda lunga è che corrispondono al modo in cui i consumatori effettuano ricerche su altri mezzi. La maggior parte delle persone usa Google quando vuole risposte. Tuttavia, ci sono molti modi diversi per eseguire la ricerca, inclusa la ricerca vocale, la ricerca di immagini, la ricerca di testo.

È importante sapere in che modo il tuo pubblico cerca le informazioni quando crei i tuoi contenuti. Se usano più spesso la ricerca vocale, probabilmente usano più parole chiave a coda lunga. Ad esempio, di recente ho chiesto a Siri: “come posso caricare i file di prodotti su shopify?”

Ma se avessi digitato quella query in una barra di ricerca, probabilmente avrei scritto “caricamento prodotti shopify”.

Le ricerche a coda lunga sono meno competitive

Le parole chiave con un volume di ricerca elevato sono incredibilmente difficili da posizionare. D’altra parte, i marketer spesso ignorano le parole chiave a bassa concorrenza con un volume inferiore che di conseguenza, sono generalmente più facili da classificare.

Quindi, se aggiungi parole chiave a coda lunga ai tuoi contenuti, spesso puoi ottenere traffico anche se non ti classifichi per il termine principale. Quel traffico può portare a backlink naturali, che possono aiutarti a posizionarti meglio per i tuoi termini di ricerca.

Come trovare parole chiave a coda lunga

La maggior parte degli articoli che spiegano come eseguire la ricerca di parole chiave a coda lunga ti mostrano effettivamente come trovare termini medio lunghi con diverse centinaia di ricerche mensili. Ovviamente, quelle non sono parole chiave a coda lunga.

Non vogliamo discutere i metodi che estraggono suggerimenti di parole chiave da Google Keyword Planner, Google Autocomplete, seozoom, semrush e ricerche correlate nella parte inferiore della pagina nella SERP.

Gli strumenti basati su PPC come Google ADS, restituiscono parole chiave popolari. Preferiamo invece utilizzare strumenti SEO più tradizionali che includono parole chiave con un volume di ricerca inferiore.

Per essere chiari, i termini con poche ricerche al mese sono incredibilmente preziosi. In un certo senso possono essere più importanti delle parole chiave con alti volumi perché sono più facili da posizionare, più specifiche e generalmente hanno tassi di conversione migliori.

Se vuoi solo trovare query a coda lunga, ti guideremo attraverso due metodi di seguito.

Metodo di analisi competitivo

Questo è il modo migliore per scoprire le parole chiave a coda lunga prima di scrivere i tuoi contenuti. Tuttavia, vogliamo sottolineare che non dovresti limitarti solo alla coda lunga. Cerca ogni query per cui la tua pagina dovrebbe essere posizionata, specialmente quelle con tanto traffico, o perderai prezioso traffico di ricerca.

Ecco una semplice strategia per rivelare ogni parola chiave per cui la tua pagina dovrebbe posizionarsi:

  • cerca su Google la tua parola chiave
  • Incolla l’URL più in alto in uno strumento di ricerca di parole chiave come Seozoom o Semrush
  • Filtra le prime tre posizioni in classifica per rivelare le parole chiave correlate più rilevanti
  • Esporta le parole chiave in un foglio di calcolo
  • Ripetere la procedura per gli URL classificati nelle posizioni due e tre
  • Combina gli elenchi di parole chiave e deduplica

Il processo sopra ti assicura di ottenere solo i termini più rilevanti in grado di posizionarsi nella prima pagina di Google. Se non vedi abbastanza parole chiave tra le prime tre, regola il filtro per mostrare i termini che si classificano tra i primi 10.

Metodo Google Search Console (GSC)

ricerca su smartphone

Usa questo metodo per trovare parole chiave a coda lunga da aggiungere al contenuto esistente sul tuo sito web. Oltre all’ottimizzazione per alcune frasi chiave in più, potresti scoprire più argomenti per includere i tuoi contenuti.

  • Vai alla scheda Risultati di ricerca in Google Search Console
  • Imposta il periodo a 28 giorni
  • Aggiungi un filtro URL per una pagina specifica
  • Esporta tutte le parole chiave in un foglio di calcolo
  • Filtra le posizioni in classifica per mostrare valori inferiori a 20
  • Filtra le impression per mostrare un valore inferiore a 10

Come utilizzare le parole chiave a coda lunga

Dobbiamo essere onesti, usiamo raramente parole chiave a coda lunga in SEO.

Nella maggior parte dei casi, sono solo variazioni di parole chiave più popolari. Ciò significa che non puoi creare contenuti separati da indirizzare a ciascuno. Inoltre, di solito c’è una variante migliore e più popolare che è più facile da usare nel tuo contenuto.  Ancora più importante, è impossibile ottimizzare un singolo contenuto per migliaia di variazioni a coda lunga, e non è necessarioGoogle comprende molto bene il fraseggio alternativo.

Preferiamo invece ottimizzare le pagine per le frasi medio lunghe. Queste sono più specifiche e meno competitive rispetto alla parola chiave principale, ma sono comunque facili da ottimizzare.

In effetti, questi sono i termini che la maggior parte dei SEO chiama erroneamente parole chiave a coda lunga.

Per iniziare, raggruppa le tue parole chiave a coda lunga in varianti simili per vedere quali frasi sono collettivamente più popolari. Quindi, identifica le frasi con il volume più alto all’interno di ciascun gruppo.

Infine, utilizza questi termini nell’articolo della tua pagina, nei link interni e nei backlink per aiutare i motori di ricerca a comprendere meglio le tue pagine.

Avviso di cannibalismo della parola chiave

Uno dei più grandi errori che le persone commettono quando si utilizzano parole chiave a coda lunga è la creazione di pagine separate per varianti di parole chiave simili che hanno tutte lo stesso intento. Era così che Google funzionava un decennio fa. Ora, quell’approccio ti farà perdere posizionamento.

Per evitare di cannibalizzare i tuoi posizionamenti e perdere tempo a creare contenuti ridondanti, impara a raggruppare le tue parole chiave.

Dedica 10 minuti al raggruppamento delle parole chiave a coda lunga prima di scrivere una pagina o un articolo sul tuo sito web.

In conclusione: se due parole chiave restituiscono URL molto simili sulla prima pagina di Google, raggruppale in un unico contenuto. Se l’intento del ricercatore è diverso, crea pagine separate.

In Conclusione

Come puoi vedere, le parole chiave a coda lunga non sono gli enormi unicorni che guidano il traffico che molti SEO affermano. Non puoi creare centinaia di post o pagine di blog per loro senza compromettere il rendimento della tua ricerca organica .

Tuttavia, hanno un posto nella tua strategia SEO. Le parole chiave a coda lunga possono aiutare a migliorare la comprensione da parte di Google dei tuoi contenuti e aumentare il traffico attraverso la micro-ottimizzazione.

Come sempre, devi mettere l’utente al primo posto.

Non ottimizzare eccessivamente i contenuti con parole chiave formulate in modo imbarazzante e non ripetere troppe variazioni simili nei tuoi contenuti che potrebbero danneggiare l’esperienza dell’utente.

Usa invece le parole chiave per migliorare l’intento di ricerca, amplificare la pertinenza e connetterti con il tuo pubblico di destinazione.

Stai cercando un’agenzia SEO che possa supportarti nella realizzazione e nello sviluppo del tuo progetto imprenditoriale online?

Author avatar
Studio Futuroma