fbpx

Strategia dei contenuti per la SEO

Seo strategy

La strategia dei contenuti e la strategia SEO vanno di pari passo. Per avere successo in entrambi i casi, devi identificare le domande, i desideri, i punti deboli e le sfide che il tuo pubblico deve affrontare. Quindi, fai una ricerca strategica per parole chiave per determinare in che modo il tuo pubblico cerca risposte e soluzioni alle proprie esigenze. Infine, cura contenuti di alta qualità ed esperienze utente uniche su questi argomenti.

Ciò consente al tuo brand di connettersi con il tuo pubblico proprio nel momento in cui è più ricettivo ai tuoi contenuti.

E non sottovalutare i vantaggi SEO della strategia dei contenuti. I brand che investono molto nella ricerca organica detengono la quota di mercato maggiore online.

Allineati con l’intento di ricerca

Indipendentemente dal contenuto che generi, assicurati di essere in linea con l’intento di ricerca. In altre parole, assicurati di fornire il tipo di contenuto, informazioni e risposte che sta effettivamente cercando qualcuno che esegue una ricerca su una determinata parola chiave.

L’intento conta davvero. Se qualcuno sta cercando informazioni educative e tutto ciò che hai da offrire è un prodotto, Google probabilmente identificherà la disconnessione e visualizzerà altri contenuti nella parte superiore delle SERP invece del tuo. Allo stesso modo, se stanno cercando una lista di controllo e tu non la pubblichi nei tuoi contenuti, probabilmente perderai di nuovo il bersaglio.

L’allineamento con l’intento di ricerca è una pietra angolare dell’algoritmo di Google. Ciò è evidenziato nelle Linee guida per la valutazione della qualità di Google.

Avvia cluster di argomenti SEO

I cluster di argomenti SEO sono un modo particolarmente efficace per aumentare il traffico organico per le parole chiave pertinenti. Ancora meglio, offrono un approccio al marketing a canalizzazione completa che coinvolge il tuo pubblico durante tutto il percorso del cliente.

Un cluster di argomenti è un modello hub-and-spoke di produzione di contenuti. Contiene una pagina del pilastro centrale (l’hub) che affronta in modo approfondito un argomento ampio ad alto livello. La pagina del pilastro è supportata da una serie di pagine cluster correlate a coda più lunga (i raggi) che affrontano argomenti secondari specifici in modo molto più approfondito rispetto alle pagine del pilastro. La pagina del pilastro si collega a tutte le pagine del cluster e viceversa tramite collegamenti interni.

Quindi, i cluster di argomenti sono come secchi concentrati di argomenti pertinenti. Aiutano i motori di ricerca a comprendere il contesto, le relazioni e la gerarchia di ogni pagina all’interno di una famiglia di contenuti. Allo stesso tempo, aiutano il tuo pubblico a trovare facilmente risposte e informazioni correlate.

Atomizza i tuoi contenuti

Un’altra strategia di contenuto che può migliorare le prestazioni della ricerca organica è l’atomizzazione del contenuto, in cui si producono più contenuti da un’unica fonte di contenuto. Ad esempio, puoi creare un rapporto di ricerca come contenuto di base. Con l’atomizzazione, puoi quindi suddividere il rapporto in componenti più piccoli e utilizzabili e distribuire video, audio, rapporti, white paper, webinar, presentazioni, visualizzazioni di dati e altri tipi di contenuti correlati.

Finché stai attento a non cannibalizzare i tuoi risultati SEO, l’atomizzazione dei contenuti può essere una strategia di contenuti efficace che alimenta la copertura, il traffico e il coinvolgimento della SEO assicurando che il pubblico giusto trovi il giusto tipo di contenuto.

Come sviluppare una strategia di contenuto in 15 punti

Quando la maggior parte dei marketer pensa alla strategia dei contenuti, tende a visualizzare i risultati tangibili come articoli e post sui social media. Ma quando si tratta di produzione di contenuti scalabili, il framework di produzione è altrettanto importante.

1. Stabilisci gli obiettivi dei tuoi contenuti

Seo strategy

Prima di lanciare qualsiasi nuova strategia di content marketing, è importante stabilire obiettivi di business e KPI chiari. Dopotutto, senza obiettivi non è possibile sviluppare una strategia, misurare il successo del programma o comunicare il ROI agli stakeholder dell’azienda.

Concentrati sui risultati

Gli obiettivi impongono l’azione e guidano la tua strategia per i contenuti, quindi costruisci i tuoi obiettivi attorno ai risultati che desideri ottenere.

Determina gli obiettivi giusti per il tuo brand:

  • Stai cercando di guidare le classifiche?
  • Se così, fino a che punto?
  • Stai cercando di guidare il traffico?
  • Quanto traffico?
  • Stai cercando di raggiungere un segmento di pubblico specifico?
  • Quale segmento e come misurerai la tua copertura?
  • Stai cercando di aumentare le conversioni?
  • Come misurerai le conversioni, quante ne devi vedere e quando?
  • Stai cercando di aumentare il coinvolgimento?

2. Definisci i segmenti di pubblico e gli acquirenti

Successivamente, è il momento di ricercare il tuo pubblico. Questo passaggio è fondamentale perché lo sviluppo di una strategia di contenuto che si rivolge al pubblico sbagliato fa perdere tempo e denaro.

Ad esempio, se operi nel settore dei servizi finanziari, un segmento di pubblico potrebbe essere costituito da imprenditori con più di 20.000 € di debiti che potrebbero essere interessati al rifinanziamento. Oppure, potrebbero essere donne con un patrimonio netto di 100.000 € o più che sono candidate per consigli di investimento. Un altro segmento potrebbe essere costituito dalle famiglie con un patrimonio netto di 10 milioni di euro o più che sono i principali candidati per la guida alla pianificazione patrimoniale.

Un segmento di pubblico potrebbe non rivelare le caratteristiche degli acquirenti all’interno di quel mercato, ma è un quadro utile per aiutarti a rendere il tuo marketing più mirato. E più il tuo marketing è mirato, più è probabile che sia efficace (ed efficiente).

3. Condurre un audit dei contenuti e un’analisi delle lacune

Scopri come condurre un audit dei contenuti per identificare e inventariare tutti i contenuti del marchio esistenti e per valutarne l’efficacia. Un audit ti aiuta a determinare se hai:

  • Lacune nei contenuti della concorrenza
  • Lacune nei contenuti di interesse dei clienti
  • Passaggi mancanti nel percorso del cliente
  • Contenuti irrilevanti
  • Pagine poco performanti

Quando esamini e valuti i tuoi contenuti, non è sufficiente sapere chi sono i tuoi clienti. Per avere una strategia di contenuti forte e differenziata, dovresti anche fare un’analisi competitiva .

Tuttavia, non guardare solo alla strategia di contenuto dei tuoi concorrenti diretti. I principali marchi di e-commerce spesso perdono traffico per recensire siti e blog di settore con una forte strategia SEO. Quindi, prendi nota di tutti i siti Web in lizza per l’attenzione dei tuoi clienti all’interno delle SERP di Google.

Scruta tutto ciò che hai pubblicato.

Ad esempio, un inventario dei post del tuo blog potrebbe rivelare che alcuni sono obsoleti, non in linea con gli obiettivi aziendali o non funzionano bene nella ricerca organica. Puoi quindi decidere se vuoi:

  • Elimina i post non pertinenti
  • Aggiorna contenuti obsoleti
  • Combina più post in un post consolidato e di maggior valore
  • Crea contenuti completamente nuovi

4. Mappare le esigenze di contenuto durante il percorso del cliente

L’imbuto di conversione

Dopo aver definito i segmenti di pubblico e le persone dell’acquirente, mappa il percorso del cliente di ciascuna persona lungo la canalizzazione dell’acquirente, tra cui:

  • Cosa fanno i potenziali clienti?
  • Dove vanno online?
  • Quali informazioni vogliono?
  • Come viene presentato il contenuto?

Fasi di targeting del funnel

Ad esempio, un post sul blog può avere come target un termine generico nel tuo settore per catturare quelli che stanno appena iniziando il percorso dell’acquirente. Il post può rispondere a domande chiave e offrire potenziali soluzioni. Oppure, può essere un pezzo divertente o intrigante inteso ad ampliare la portata e catturare l’attenzione.

Un altro post sul blog potrebbe essere indirizzato al centro della canalizzazione quando il potenziale cliente ha svolto la sua ricerca iniziale e inizia a interagire con vari brand o fornitori.

A questo punto, il potenziale cliente potrebbe desiderare contenuti più dettagliati e personalizzati incentrati su prodotti, servizi, soluzioni, funzionalità e vantaggi specifici.

Infine, nella parte inferiore della canalizzazione, i potenziali clienti vogliono confrontare le opzioni e prendere una decisione finale. Per trasformare la loro curiosità in una conversione, fornisci un calcolatore del ROI, casi di studio dettagliati o offri una prova gratuita o un coupon.

5. Condurre una ricerca per parole chiave

Che il tuo obiettivo principale sia la generazione di lead o aumentare le vendite di un e-commerce, hai bisogno di traffico. Ma non attirerai migliaia di visitatori sul tuo sito solo con buoni contenuti. Devi ottimizzare anche per le parole chiave.

La ricerca per parole chiave è alla base di una strategia di contenuto incentrata sulla SEO perché ti guida verso gli argomenti più preziosi e ti mantiene organizzato. Con un’accurata ricerca di parole chiave, sarai in grado di trattare argomenti in modo completo senza scrivere lo stesso post sul blog cinque volte. Ciò significa più traffico, più coinvolgimento e più conversioni.

Da dove inizi? Usa strumenti come Ahrefs e Semrush per scoprire gli argomenti a cui il tuo pubblico è più interessato. Puoi anche utilizzare gli strumenti SEO per individuare le prime pagine dei tuoi concorrenti, nonché i termini principali e le parole chiave a coda lunga che guidano la maggior parte del loro traffico.

6. Raccogli idee sui contenuti

Utilizza il tuo elenco di parole chiave per raccogliere idee su nuovi contenuti . Ma come si creano contenuti unici e utilizzabili quando ci sono più di 4,2 miliardi di pagine Web in competizione per attirare l’attenzione?
Fortunatamente, la stragrande maggioranza delle pagine Web indicizzate è terribile. Quindi, cogli l’occasione d’oro per ripetere e migliorare ciò che già esiste!
Quindi, non perdere tempo a cercare l’unica cosa che non è stata scritta. Invece, fai un brainstorming su nuovi modi per affrontare un vecchio argomento polveroso o genera due idee separate per produrre qualcosa di unico.
Non sai da dove cominciare? Strumenti come Buzzsumo possono fornire informazioni sul coinvolgimento, mentre Ahrefs e Semrush sono eccellenti per fare luce su ranking delle parole chiave, backlink e traffico.

7. Scegli un sistema di gestione dei contenuti

Se prevedi di produrre un’enorme quantità di contenuti, avrai bisogno di un robusto Content Management System (CMS). Il tuo CMS ti consente di creare, organizzare, pubblicare e archiviare vari tipi di contenuti, inclusi post di blog, audio, video, PDF, ecc.
Fortunatamente, ci sono molte opzioni tra cui scegliere a seconda delle tue esigenze.
Per i grandi negozi di e-commerce, ad esempio, c’è Magento, che supporta oltre 200.000 negozi online in oltre 20 settori. Sitecore viene spesso utilizzato per i siti Web aziendali che richiedono sicurezza e scalabilità elevate. WordPress ha la quota di mercato più ampia di qualsiasi CMS.

Seo strategy

8. Stabilire un processo di sviluppo dei contenuti

I tuoi contenuti non si creeranno da soli, quindi hai bisogno di un processo di sviluppo di una strategia per i contenuti chiaramente definita, ripetibile e strutturata. La giusta metodologia ti assicura di creare sempre contenuti di alta qualità e di alto valore.

Il tuo lavoro dovrebbe includere:

  • Ricerca per parole chiave
  • Titolo
  • Breve contenuto
  • Brutta copia
  • Modificare
  • Revisionare
  • Selezione dei media
  • Disposizione
  • Ottimizzazione

9. Implementare un calendario dei contenuti

Un calendario dei contenuti è molto più di un semplice programma. È anche una struttura organizzativa che allinea il tuo team di contenuti con le tue tattiche e obiettivi di marketing più ampi.

Un calendario dei contenuti efficace dovrebbe ricollegare ogni pezzo di output ai tuoi obiettivi SMART in modo da poter monitorare le prestazioni. Ti aiuta anche a dare la priorità agli elementi che potrebbero avere il maggiore impatto.

10. Dai la priorità alla qualità rispetto alla quantità

Se il tuo pubblico ti presta la sua attenzione, non sprecare l’opportunità di connetterti offrendo loro contenuti “vuoti”. Fai risaltare il tuo brand con una qualità eccezionale.
Vuoi posizionarti bene nella ricerca organica? Devi fornire contenuti di valore. Questo consiglio è direttamente da Google. In effetti, è il principio guida dietro le strategie di contenuto di maggior successo per diversi motivi:

  • Non sprecherai risorse su contenuti banali
  • Ti concentrerai su contenuti fruibili che indirizzano traffico e lead
  • Le parti interessate ti vedranno come un esperto del settore in grado di guadagnare menzioni sui media e backlink naturali
  • Manterrai i visitatori sul tuo sito più a lungo
  • Aumenterai l’affinità del marchio

Ma cosa sono i contenuti utili e utilizzabili? Dipende dal tuo settore, ma potrebbe essere una ricerca di mercato unica, consigli di esperti in un podcast, un elenco di risorse, belle foto o persino contenuti e video emotivamente coinvolgenti .
La linea di fondo? Dai ai tuoi lettori qualcosa che ameranno e condivideranno.

11. Pubblica contenuti di lunga durata

Quando si tratta di classifiche di Google e traffico di ricerca organico, i contenuti di lunga durata come i blog vincono quasi sempre. Secondo uno studio di Semrush, i contenuti di lunga durata generano 3 volte più traffico, 4 volte più condivisioni e 3,5 volte più backlink.

Questo avviene per diverse ragioni.
In primo luogo, i contenuti di lunga durata spesso si classificano per più parole chiave rispetto ai contenuti più brevi poiché trattano un argomento in modo più approfondito. Puoi rispondere a più domande, includere naturalmente più parole chiave a coda lunga e strutturare il contenuto per acquisire lo snippet in primo piano.
In secondo luogo, i contenuti di lunga durata tendono a essere condivisi più frequentemente e a guadagnare più backlink. Ad esempio, è più probabile che un sito Web di corsa si colleghi a un post sul blog di 2500 parole su come scegliere la migliore scarpa da corsa rispetto a un articolo di 500 parole.
In terzo luogo, il contenuto di lunga durata si presta bene a più formati di contenuto in un unico contenuto, rendendo il contenuto più coinvolgente e degno di collegamento.
Infine, è più facile creare canalizzazioni di marketing dei contenuti all’interno di contenuti di lunga durata. Avrai più spazio per includere CTA nella pagina che guidano i tuoi lettori al passaggio successivo nel percorso dell’acquirente, che si tratti di un articolo o di una pagina di destinazione.

 12. Costruisci competenza, autorità e fiducia (EAT)

Seo strategy

La fiducia del brand influenza le conversioni, la fedeltà dei clienti, la SEO e altro ancora. Ecco perché è fondamentale creare fiducia mettendo in mostra l’esperienza naturale del tuo marchio in tutta la tua strategia per i contenuti. Ad esempio, se la tua azienda vende forniture per la fotografia, dovresti attenerti ad argomenti relativi alla fotografia piuttosto che all’optometria. Dal punto di vista della ricerca, tuttavia, c’è di più. Probabilmente hai sentito parlare del concetto di competenza, autorità e fiducia (EAT) , che è un insieme di principi alla base della ricerca su Google. EAT non è un dato di classifica diretto. Tuttavia, molti fattori di ranking all’interno dell’algoritmo di Google hanno lo scopo di misurarlo in qualche modo. Pertanto, migliorare la tua esperienza, autorità e fiducia può avvantaggiare indirettamente un programma SEO aziendale . Per esempio: È più probabile che le persone si colleghino a contenuti di cui si fidano e i collegamenti sono un modo in cui Google misura la fiducia. Gli autori esperti trattano gli argomenti in modo più approfondito, il che significa che è più probabile che menzionino argomenti rilevanti e frasi chiave che si verificano insieme. Google continua a migliorare la sua comprensione delle entità che li aiuta a riconoscere autori noti. Ciò diventa particolarmente importante quando crei contenuti per persone che potrebbero non conoscere ancora il tuo marchio o prodotto.

13. Evoca una risposta emotiva

Uno stratega dei contenuti intelligente comprende che i contenuti di maggior impatto funzionano a livello inconscio.

Ecco perché:
Il cervello umano elabora inconsciamente 11 milioni di bit di informazioni sensoriali ogni secondo. Confrontalo a soli 40 bit al secondo a livello cosciente. Quindi, come attingere alla mente subconscia dei tuoi clienti?

Emozioni.

Gli esseri umani hanno bisogno delle emozioni per agire perché basiamo le nostre decisioni sui sentimenti. Le emozioni richiedono anche un maggiore coinvolgimento. I contenuti emotivi attirano gli utenti, sollecitano l’azione e incoraggiano la condivisione. Inoltre, tutte queste cose sono una ricetta per guadagnare backlink naturali che migliorano la visibilità organica.

14. Pianifica una varietà di tipi di contenuto

Sforzati di variare i tipi di marketing dei contenuti nella tua strategia dei contenuti. Ogni gruppo demografico consuma i media in modo diverso, quindi tieni a mente i tuoi clienti mentre fai brainstorming. Anche se i segmenti di pubblico di destinazione sono relativamente gli stessi, dovresti comunque variare le pubblicazioni. Ad esempio, alcune persone preferiscono i contenuti visivi , alcuni sono studenti uditivi e altri preferiscono leggere il testo. Prendi in considerazione l’utilizzo di alcuni dei seguenti formati nella tua strategia per i contenuti:

  • Post sul blog
  • Articolo
  • Carta bianca
  • Ebook
  • Guida
  • Argomento di studio
  • Notizia
  • Influencer
  • Infografica
  • Visualizzazione dati
  • Indagine
  • Presentazione
  • video
  • Podcast
  • Demo

Sviluppa una strategia di creazione di contenuti tenendo conto dei diversi tipi di apprendimento e della scalabilità. E non dimenticare di distribuire i diversi tipi di contenuto in modo appropriato. Ad esempio, se hai creato un video, caricalo e ottimizzalo per YouTube. In questo modo avrai una portata più ampia. Un potenziale cliente potrebbe trovare i tuoi contenuti, ad esempio, nel tuo blog, ma un altro potrebbe imbattersi nella versione video su YouTube o in un episodio di podcast su Spotify.
Pensa in modo ampio in termini di riutilizzo dei contenuti per massimizzare il ROI SEO.

15. Definisci la tua strategia di distribuzione e amplificazione dei contenuti

La tua strategia per i contenuti non finisce quando pubblichi un post sul blog o un video. Pensaci. Hai investito molto tempo e denaro per produrre contenuti accattivanti che ti aspetti di fornire risultati. Quindi, non condividerlo una volta e passa al progetto successivo.
Invece, costruisci l’amplificazione nel tuo processo di strategia dei contenuti. Condividi i post più volte su diverse piattaforme social come Twitter e LinkedIn. Esegui la sensibilizzazione dei blogger agli editori online e persino ad altre aziende per promuovere i post, la grafica o i video del tuo blog. Inoltre, non aver paura di pubblicare annunci a pagamento. Assicurati solo di aver compreso il ROI prima di dedicarti a una spesa.

La distribuzione dei contenuti è un modo efficace per aumentare il traffico del sito web. Se sei intelligente riguardo alla promozione e alla distribuzione dei contenuti, vedrai un effetto composto dai tuoi sforzi di marketing. Una pubblicazione può condividerlo con il suo pubblico, che a sua volta lo condivide con le proprie reti individuali, ecc.

Misura l’efficacia della tua strategia di contenuto
Infine, dovrai misurare il successo in modo da poter iterare e migliorare. I KPI della tua strategia di contenuto dovrebbero definire il successo in termini di obiettivo di marketing. Quindi, se ti interessano i tassi di conversione, includili. Non commettere l’errore di segnalare decine di metriche che non supportano i tuoi obiettivi.

Ecco alcuni KPI da considerare:

  • Posizionamento di Google
  • Numero di parole chiave di posizionamento
  • Percentuale di visibilità organica
  • Quota di mercato organica di Google
  • Traffico (organico, a pagamento o referral)
  • Conversioni
  • Lead qualificati

Successivamente, determina come acquisirai, analizzerai e genererai rapporti rispetto a tali metriche. Ad esempio, riporterai le prestazioni rispetto a una linea di base ogni mese o rispetto al mese precedente o all’anno precedente? Creerai una dashboard live o estrarrai dati da strumenti di ottimizzazione dei motori di ricerca come Google Analytics, Seozoom e Semrush?
Infine, identificare le persone che monitoreranno e misureranno le prestazioni nel tempo.

Hai bisogno di una consulenza per creare i contenuti giusti per la tua strategia SEO?

Contattaci e richiedi una consulenza gratuita.

Author avatar
Studio Futuroma